UDINESE-BARI 1-0 (pt 0-0)

Foto tratta da udinese.it
domenica 6 marzo 2011

MARCATORI: Di Natale (rig.) al 30' s.t.

UDINESE (3-5-2): Handanovic; Domizzi, Zapata, Benatia; Cuadrado (27' s.t. Corradi), Pinzi, Inler, Asamoah, Armero (27' s.t. Pasquale); Sanchez, Di Natale (41' s.t. Abdi). A disp: Belardi, Coda, Badu, Denis. All. Guidolin.

BARI (4-3-2-1): Gillet; A.Masiello, Glik, Belmonte (35' p.t. Rossi), Parisi (36' s.t. Rivas); Codrea, Bentivoglio, Gazzi; Ghezzal, Huseklepp (36' s.t. Rudolf); Okaka. A disp. Padelli, Donati, Romero, Kopunek. All. Mutti.

ARBITRO: Massa di Imperia.

NOTE: giornata di sole e ventosa, terreno in discrete condizioni, spettatori 16 mila circa. Ammoniti Codrea, A.Masiello, Gazzi, Ghezzal, Parisi, Cuadrado. Angoli 5-3 per l'Udinese. Recupero: 2'; 4'.

Tabellino tratto da: Gazzetta.it

 

Ciao Amici,

domenica 6 marzo 2011, si è disputata la 28^ giornata di un campionato che per noi sta assumendo contorni memorabili. Penso possano bastare due dati: 8 vittorie in 11 gare. Superato da Mister Guidolin il record (11 risultati utili consecutivi) di Zac e Spalletti. Complimenti Francesco!!! La stima che personalmente nutro per lui penso ormai si sia capita. L’apprezzo prima come persona e poi come mister. Spero un giorno di poterlo incontrare…
Piuttosto che stilare un sterile resoconto della partita, vi sottopongo alcune considerazione, dopo averla rivista (registrata) stamani.
Ieri non ho potuto assisterla live in quanto impegnato con il Carnevalfest 2011. Grazie all’amico Stefano che mi aggiornava  (via sms) sull’andamento della gara.
Pensando ad un titolo questo potrebbe essere  LA VOLATA CONTINUA (CON UMILTÁ).
Vi confesso che avevo, per la legge dei grandi numeri, un certo timore del Bari.
Infatti, i pugliesi si sono rivelati un avversario ostico. A dimostrazione che nel nostro campionato non esistono partite facili.
Giornata soleggiata ma ventosa. Apprezzo con piacere una discreta cornice di pubblico, che non fa mancare il proprio sostegno.
Fin dai primi minuti dimostriamo un buon possesso di palla. Il Bari, come prevedibile, rimane chiuso in difesa pronto a schizzare in contropiede.
C’è Quadrado al posto dell’indisponibile Isla.
Mi è piaciuto il giovane colombiano. Tutti i giocatori sono coinvolti nel “progetto” (termine abusato in questo periodo…) UDINESE. Questo è solo uno dei molti meriti del Guido.
Il primo tempo si chiude senza grandi emozioni. Ma d’altronde non si può pretendere sempre di finire il p.t. sul 5 a 0….
Ripresa più frizzante.
Udinese sempre sicura di sé che si muove dentro uno spartito imparato alla perfezione dove risalta l’aiuto reciproco tra i giocatori.
Al 26’ del s.t. c’è un doppio cambio; Corradi per Quadrado e Pasquale per Armero. Per gli amanti dei numeri, si passa al 3-4-1-2 con Sanchez trequartista e Corradi torre centrale.
Bene Corradi, molto volonteroso.
Al 28’ c’è un sacrosanto calcio di rigore per fallo di Parisi su Sanchez (ancora una pregevole prestazione del giovane campioncino cileno…). Sul dischetto va Totò: GOAL!!!
Il capitano realizza la 22^ rete in 27 gare: non ho parole….
Al 48^ Handanovic compie un miracolo su tiro di Rudolf (grande SAMIR!) e mette in cassaforte una vittoria meritata che ci garantisce 50 punti in una classifica straordinaria.

Grazie UDINESE!!!

Per le pagelle: da tifoso il cuore mi spinge dare a tutti un 7 e una lode al mister.

Grazie per l’attenzione e buona settimana a tutti.

Matteo

Lascia il tuo commento